Specialità animali (r/z)

Ragno

Senza retorica: è chiaro che l’ecosistema si regge su un equilibro di cui spesso ci sfugge il sottile meccanismo. Basterebbe semplicemente capire che ne facciamo parte. Non ci fossero i ragni, per esempio, saremmo sommersi dagli insetti. Ogni anno, i ragni si pappano la bellezza di una massa di insetti corrispondente a circa 60 milioni di umani.
Per la precisione, non li pappano ma se li succhiano, dato che, prima, li disciolgono. E come li sciolgono? Con la loro mitica tela!
La tela di un ragno ha due caratteristiche: è cinque volte più forte dell’acciaio, trenta volte più elastica del nylon. Ed è così sottile che un ipotetico filo di tela di ragno lungo quanto la circonferenza terrestre, peserebbe circa 100 grammi. Strepitoso! La nostra scienza ha fatto senza subbio passi da gigante, eppure non abbiamo ancora capito la sostanza misteriosa di cui è fatta questa tela.

Squalo

Ci ha fregati Spielberg… con quel terrificante film, con quella geniale manifesto che vede la bella ragazza nuda a filo d’acqua e sotto quel bestione tutto bocca che arriva da sotto.
In effetti lo squalo è una macchina micidiale (tutto teso, come tutti noi d’altronde, a mangiare) due terzi del suo cervello sono dedicati all’olfatto. Può individuare una concentrazione di sangue minima, alla distanza di 400 metri. Ma non solo questo: lo squalo ha la capacità, attraverso incredibili sensori, di intercettare la tensione delle proprie vittime. Percepisce i battiti del cuore… il minimo movimento. E si avventa! Ed quindi anche in grado di cacciare al buio. Eppure (se riesce a consolarvi) sappiate che preferisce le foche a noi, noi siamo troppo pelle e ossa. I casi di morti causa squalo sono circa una decina l’anno. L’’uomo ammazza oltre 70 milioni di squali l’anno. Insomma, siamo noi il pericolo.

Tasso

Non parlate di rivoluzioni al tasso, è terribilmente conservatore. Tutto ciò che rappresenta un cambiamento, anche minimo, nelle abitudini, è per lui inaccettabile. Le cose funzionano così, vanno bene così, non v’è motivo per cui cambiarle.
Sì che tutti gli animali sono in fondo conservatori, ma il tasso è davvero un ostinato reazionario. Vi sono tane di tasso che perdurano da centinaia di anni e se le passano di generazione in generazione. E vi sono tane davvero lussuose, con centinaia di ingressi e stanze, organizzate in camere da letto, toilette e camere comuni. Delle vere e proprie reggie. Qui abitano i tassi appartenenti a un determinato clan. Ogni clan ha un proprio specifico odore e non è consigliabile, per il tasso di un certo clan, stare troppo a lungo fuori, rischia infatti di perdere l’odore del clan, ed essere escluso. La loro vita è dedicata sostanzialmente a lunghe dormite. Ma anche per la riproduzione se la prendono comoda: 90 minuti.

Volpe

Se molti animali sono a rischio di estinzione, tra questi non c’è la volpe. È infatti il carnivoro selvatico più diffuso al mondo. Sa adattarsi e vive ovunque. Se la cava sempre bene e il segreto della sua forza è che si nutre di ciò che le capita. La sua tecnica per mangiare è quella della parsimonia: cattura il maggior numero di prede che riesce e poi ne sotterra le carcasse, creandosi una specie di dispensa. Non è un animale particolarmente fastidioso, anzi, può essere utile a eliminare i topi. Non attacca cani o gatti, a meno che, naturalmente, non si senta costretta. Le sue fumettistiche stragi di galline sono un falso mito. Si diverte un sacco a masticare fili elettrici o tubi dell’acqua o del gas. È addomesticabile. Insomma, sa cavarsela, ed è forse da questo la sua proverbiale astuzia. La volpe deve essere di origine romagnola: non dispiace a nessuno, si adatta, se la spassa.
Curiosità: in Giappone è un animale sacro. La possessione dello spirito della volpe è una condizione clinica riconosciuta.

Zanzara

Se vi chiedete che senso ha l’esistenza della zanzara, troverete vaghe risposte; ma probabilmente anche la zanzara si chiede la stessa cosa sul nostro conto. E intanto ci punge. A pungerci è solo la femmina. E ci punge per succhiarci via un po’ del nostro sangue. È tipo una tassa… ed è (come già abbiamo notato) l’animale più letale al mondo: circa 2 milioni di cadaveri, uno sull’altro, all’anno.
Vestitevi di bianco… tendenzialmente, le zanzare sono maggiormente attratte dai colori scuri.

Per appfrondire: J. Mitchinson & J. Lloyd Il libro dell’ignoranza sugli animali

Maurizio Teroni

Sono' nato a Genova nel 1967, dove mi sono laureato con Edoardo Sanguineti, con la tesi "Giorgio Manganelli: inferni linguistici". Ho pubblicato racconti per le riviste "La rosa purpurea del Cairo", "Passaggi", "Il Maltese", "Erewhon" e saggi letterari per le riviste "L'immagine riflessa" e "Studi Novecenteschi"; nel 2011 "Il limo" (romanzo); nel 2021 "Di donne e d'altri guai" (racconti). Lavoro come insegnante di Letteratura italiana e Storia.

Lascia un commento